Sopravvivere ai campi di sterminio

Sopravvivere ai campi di sterminio

9 Febbraio 2013 Off Di Redazione

Nel racconto di Alessandra Ballerini, la testimonianza di Rita Prigmore, sinta sopravvissuta all’olocausto.

Sono a Palazzo Ducale. In ritardo, come sempre. La sala è già piena. Di ogni tipo di persone. L’immancabile Genova “bene”, rappresentanti attuali e passati delle istituzioni, ma anche studenti o comunque giovani. Un’età media incredibilmente bassa per essere a Genova. Anche molti stranieri in sala: per lo più sudamericani e africani. E poi ci sono loro: “gli zingari”. In realtà li distingui solo dopo un po’. E solo se già li conosci. Sono tutti raccolti a vedere ed ascoltare Rita Prigmore, una delle ultime donne “zingare” sopravvissute all’Olocausto – e alle sperimentazioni mediche dei nazisti sui bambini, invitata dalla Comunità di Sant’Egidio.

Sono in ritardo, ma in tempo per ascoltare Andrea Chiappori mentre spiega alla platea che il genocidio inizia sempre con teorie e pregiudizi ed uccide le persone non per quello che fanno ma per quello che sono. Queste parole mi suonano familiari. Sono le stesse utilizzate da noi giuristi per eccepire l’incostituzionalità delle norme sull’immigrazione che puniscono come reato la clandestinità e infliggono la pena della prigionia nei Cie per 18 mesi per gli stranieri irregolari, colpevoli, appunto, di essere (stranieri) e non di fare.

Rita parla, ferma e appassionata. Ricorda le leggi razziali tedesche che per debellare la “personalità antisociale” dei rom, si inventano il sistema crudele e insulso della prevenzione delle malattie ereditarie tramite la loro sterilizzazione e gli esperimenti sui neonati, in particolare sui gemelli. La neonata Rita viene strappata dal ventre materno insieme alla gemella che perirà dopo poche settimane di “esperimenti”. Rita subirà interventi alla testa e agli occhi per tutto il suo primo anno di vita da parte degli “scienziati della razza”, convinti di poter creare una specie eletta e monotona con occhi azzurri e capelli biondi. Rita non si compiace, come a volte fanno le vittime, della sua sofferenza. Racconta con dolorosa memoria la storia della sua famiglia e della sua “gente” perché vuole lasciare un messaggio: «voi che potete costruire il vostro paese, guardate gli altri senza pregiudizio, riconoscete in loro sempre un essere umano. Ogni essere umano è l’immagine di Dio, per questo nessuno può condannare un’altra persona».

E detto da lei, che di condannare i suoi aguzzini ne avrebbe ben donde, questo monito fa una certa impressione. Le persecuzioni razziali sono state sempre avallate da leggi la cui emanazione è stata (ed è) possibile perché è stato creato ad arte il consenso sociale. «Ma se ancora oggi è possibile considerare intere categorie di esseri umani come non persone allora la storia non è salvifica. Basta guardare la rabbia, il disprezzo e la paura che ancora ci appartengono e stanno dentro la nostra cultura».

Lo so. È una frase di un pessimismo estremo. Non è mia ma di Luca Borzani, presidente della fondazione Palazzo Ducale. E l’autorità dell’autore la rende ancora più indigesta. «La storia non salva se non porta ad una responsabilità individuale» ed infatti, in questa platea così “mista”, quando ci scambiamo gli sguardi durante il racconto di Rita, vergogna è il sentimento che ci unisce. Vorremmo salire sul palco e chiederle scusa. Perché da esseri umani ci si vergogna del male che siamo in grado generare.

Anche Ariel Dello Strologo (Presidente del Centro Culturale Primo Levi) ritiene che non bastino la storia né la cultura per non ricompiere gli errori del passato. Oltre alla storia e alla cultura servirebbe una costante e cosciente responsabilità individuale e collettiva per ogni nostra scelta, anche la più banale e quotidiana. E lo dice fiero nel ricordo di quella prima volta in cui si celebrò il 27 gennaio a Genova dodici anni fa e lo si fece ricordando lo sterminio dei rom e sinti.

Chiude l’incontro Pino Petruzzelli che i rom li conosce, li narra e li ama e che in poche ma precise parole ricorda le nefandezze compiute dagli scienziati e dai medici nazisti. Nel 1936 in Germania, nel centro per l’igiene e la razza, nasce la teoria della “pericolosità degli zingari” causata dal “gene dell’istinto al nomadismo”. Nel 1935 iniziavano le ricerche per rendere potabile l’acqua del mare ed il capo della polizia criminale decide di utilizzare come cavie i rom (chiamati ariani decaduti) geneticamente più simili ai tedeschi, sottoponendoli a dementi esperimenti di inutile crudeltà. Al processo di Norimberga i medici mentono e si giustificano esaltando i risultati (inesistenti) degli esperimenti. Alcuni di questi medici, nonostante si siano macchiati di tali imperdonabili crimini, hanno continuato a svolgere la loro attività, sono stati promossi e agevolati nella carriera universitaria. E a me viene in mente il medico e l’infermiera condannati per le torture di Bolzaneto durante il G8 del luglio 2001, che ancora esercitano indisturbati la professione in strutture pubbliche.

E poi penso alle parole. Alla loro manomissione (come direbbe Carofiglio). Lo sterminio, il genocidio vengono artatamente trasformati, nella propaganda razzista, in ricerche per migliorare la “razza”. Gli “zingari” seppure cittadini tedeschi (o italiani) vengono rappresentati come un problema sociale. Ieri come oggi. Penso ai continui ed odierni sgomberi dei campi rom, ai fogli di via notificati a cittadini comunitari privi di stabile reddito e perciò considerati automaticamente minacciosi per l’ordine pubblico.

Concetti insidiosi come “personalità antisociale” o “predisposizione a commettere reati” sono utilizzati da sempre, senza alcun criterio, per discriminare intere fasce di popolazione. Oggi, a chi chiede la cittadinanza italiana dopo decenni di regolare residenza nel nostro Paese, viene eccepita la «contiguità a movimenti aventi scopi incompatibili con la sicurezza dello stato». Formula ambigua e discriminante visto che viene utilizzata per negare la cittadinanza a persone immuni da qualsiasi problema penale ma “colpevoli” di non essere di religione cattolica.

Oggi si deportano in Libia o si respingono in alto mare naufraghi richiedenti asilo. Si sono chiusi i lager e si sono aperti i Cie. Si vota in Parlamento, in nome della sicurezza, una norma di legge (poi fortunatamente dichiarata incostituzionale) che sancisce il divieto di matrimonio per gli stranieri irregolari (i non ariani dei giorni nostri) ed un’altra (poi mitigata da una circolare) che impedisce agli irregolari di ottenere atti dello stato civile (compresi certificati di morte e di nascita) con la conseguenza sciagurata per i genitori irregolari di non poter riconoscere i propri figli e dunque di rischiare di vederli dati in adozione a famiglie italiane.

La portata evidentemente nefasta ed abnorme di questa norma, votata dal nostro Parlamento all’interno del cosiddetto “pacchetto sicurezza” (a proposito di mistificazione delle parole!) nell’agosto del 2009, è stata successivamente contenuta grazie ad una circolare ministeriale emessa in risposta alle proteste di giuristi, assistenti sociali e della società civile cosciente e informata. Altre norme, come il divieto di accesso alle cure mediche e all’istruzione scolastica per gli stranieri irregolari, seppure già scritte, non hanno fortunatamente visto la luce solo in seguito all’accesa protesta di medici e insegnanti.

Penso al susseguirsi negli ultimi anni di insensati decreti governativi per fronteggiare un’inesistente “emergenza nomadi” (parliamo in realtà in tutta Italia attualmente di circa 60 mila persone, per metà cittadini italiani ed in massima parte minori) come fosse una “calamità naturale”, legittimando sgomberi ed espulsioni.

Forse ha ragione Borzani: la storia non ci salva. Ma le storie e i testimoni narranti possono comunque aiutarci a comprendere, ricordare e scegliere.

«L’importante è un’altra cosa – diceva Basaglia –, è sapere ciò che si può fare. È quello che ho già detto mille volte: noi, nella nostra debolezza, in questa minoranza che siamo, non possiamo vincere. È il potere che vince sempre; noi possiamo al massimo convincere. Nel momento in cui convinciamo, noi vinciamo, cioè determiniamo una situazione di trasformazione difficile da recuperare».