Salvini ha presentato la memoria difensiva per il caso Open Arms

Salvini ha presentato la memoria difensiva per il caso Open Arms

17 Febbraio 2020 Off Di Redazione

Il senatore della Lega, Matteo Salvini, ha depositato questa mattina alla Giunta per le Autorizzazioni a procedere la sua memoria difensiva sul caso Open Arms, per il quale è accusato di sequestro di persona e di abuso di ufficio. La Giunta è presieduta da Maurizio Gasparri (Forza Italia), che aveva già gestito il caso della Diciotti, dove Salvini venne “salvato” dal voto del Parlamento, durante il primo Governo Conte. In questo caso il voto è atteso per il 27 febbraio in Aula, con la maggioranza che dovrebbe dare via libera al Tribunale dei Ministri di Palermo per procedere con il processo.

“La nave doveva ricevere indicazioni dalla Spagna e da Malta per quanto riguarda il porto sicuro – ha scritto Salvini – l’Italia non doveva concedere il porto sicuro. Il comandante voleva portare i migranti in Sicilia, come già avvenuto a marzo 2018, per il quale era stato aperto un procedimento nei suoi confronti, per violenza privata e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina”, questa la posizione di Salvini nella sua memoria.

La nave Open Arms sostava nella zona Sar maltese, dove aveva soccorso dei migranti, e Malta aveva già rifiutato la concessione di un porto di sbarco. La Spagna ha concesso un porto il 18 agosto, come riporta Salvini, ma il comandante ha ignorato quella decisione ed ha fatto rotta verso il porto di Lampedusa.